Sperma e matematica non sembrebbero essere buoni compagni ma una nuova ricerca potrebbe portare alla creazione di dispositivi che potrebbero diminuire molto i tassi di infertilità.

La settimana dal 31 ottobre al 6 novembre 2016 è stata dedicata alla consapevolezza sulla fertilità e poiché l’infertilità colpisce circa una persona su sei, un team di matematici, bioingegneri, ingegneri informatici e medici stanno lavorando su un sistema che potrebbe identificare quali spermatozoi sono in grado di trasmettere con successo il loro carico di DNA all’ovulo.

L’Università di ricerca di Birmingham, finanziata attraverso un Engineering and Physical Sciences Research Council (EPSRC) Healthcare Technologies Challenge Award, potrebbe quindi portare a decisioni di trattamento migliori che potrebbero salvare dal disagio, da spese intuli e portare a nascite più salutari.

I trattamenti per la sterilità, come la fecondazione in vitro, sono attualmente ostacolate dalle diagnosi imprecise, poiché il monitoraggio dello sperma non utilizza una tecnologia all’avanguardia.

Tuttavia questo potrebbe cambiare molto presto: la squadra di ricerca spera di creare un nuovo sistema che utilizza l’imaging in contrasto di fase per osservare lo sperma prima di analizzarlo matematicamente.

Questo potrebbe portare ad un modo migliore di identificare quali spermatozoi hanno gli attributi necessari per fecondare con successo l’ovulo oltre a un miglioramento della consulenza fornita alle coppie che passano attraverso il trattamento di fertilità.

Il Project Lead – Dr Dave Smith – presso l’Università di Birmingham  dice che spera che il lavoro porti a nuove attrezzature che potrebbero essere utilizzate nelle cliniche di andrologia per identificare la condizione dello sperma e quali trattamenti o cambiamenti nello stile di vita siano necessari.

 “Purtroppo l’infertilità è un problema comune, con l’infertilità maschile che rappresento circa la metà di tutti i casi. Il problema è che i metodi diagnostici utilizzati in questo momento sono piuttosto grossolani per quanto utili  e necessari”.

Speriamo che questa ricerca ci porti a poter dire non solo quali siano le statistiche di base circa lo sperma – come la velocità di nuoto – ma quali siano gli spermi con “la roba giusta” e quelli che stanno nuotando in modo efficiente e sono correttamente formati. Vogliamo fornire un nuovo modo di guardare le cellule, cosa è esattamente l’infertilità e cosa una cellula è esattamente in grado di fare.”

“L’impatto a lungo termine potrebbe portare ad un migliore utilizzo delle risorse per i trattamenti come la fecondazione in vitro e a maggiori percentuali di successo. Saremmo in grado di dare alla gente il giusto tipo di consigli sulle scelte di vita, così per esempio se il fumo è dannoso  per la qualità dello sperma possiamo identificarlo e consigliare il paziente di conseguenza “.

L’ amministratore delegato del EPSRC, il professor Philip Nelson, ha dichiarato: “Questa ricerca dimostra l’importanza del lavoro intrapreso dai vincitori dei nostri Healthcare Technologies Sfide Awards.”

L’impatto del lavoro potrebbe avere una vasta gamma di importanti implicazioni, dal permettere di una migliore analisi dello sperma a ridurre il disagio causato da problemi di infertilità e migliorando il consiglio che può essere offerto alle coppie che cercano di concepire.

 

Attachment

  • spermliotti

Lascia un commento

Iscriviti al blog tramite e-mail

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

facebook

Orari al pubblico

  • Lunedì7.30 - 19.30
  • Martedì7.30 - 19.30
  • Mercoledì7.30 - 19.30
  • Giovedì7.30 - 19.30
  • Venerdì7.30 - 19.30
  • Sabato7.30 - 19.30
  • Domenica7.30 - 19.30